Questo sito usa cookies tecnici che aiutano Forumalessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina, clickando nei browser supportati in qualsiasi punto della pagina, o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Oggi è 23/01/2020, 11:53

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Renzi, un altro miracolo italiano?
MessaggioInviato: 14/04/2014, 7:42 
Non connesso

Iscritto il: 31/10/2011, 15:15
Messaggi: 353
by Pier Carlo Lava
Siamo un grande paese, secoli della nostra storia ne sono la conferma e per almeno certi aspetti lo stiamo dimostrando ancora oggi, siamo capaci di grandi bellezze, così come di grandi bruttezze. Negli ultimi vent’anni, grazie ad una classe politica imbelle e mediocre, capace solo di fare i propri affari e quelli degli amici, ad una corruzione dilagante (che ci ha ha posto ai primi posti della classifica dei paesi più corrotti fra quelli occidentali) diffusa a tutti i livelli della società politici e non, abbiamo toccato il fondo.
Gli ultimi governi e i relativi parlamenti che si sono avvicendati sulla scena politica italiana sono stati solo capaci di prendere provvedimenti a discapito dei soliti noti, fare promesse mai mantenute, con politiche di bilancio rigide che hanno determinato una riduzione del potere di acquisto delle famiglie, soffocato le imprese e conseguentemente l’economia.
Il rispetto delle regole che ci impone l’Europa deve assolutamente andare di pari passo con la crescita del paese, altrimenti l’Italia corre il rischio di finire come quel malato che dopo cure drastiche per risanarlo è morto. Da poco abbiamo un nuovo ennesimo Governo di coalizione con il compito di farci uscire dalle sabbie mobili nelle siamo precipitati, l’esordio per quanto riguarda la scelta di ministri e sottosegretari, come hanno dimostrato alcuni recentissimi fatti, non era stato fra i più brillanti al punto che qualcuno scriveva che l’età media dei politici è più bassa ma certi comportamenti non sono cambiati.
Ora però Matteo Renzi, il giovane e arrembante Segretario del Pd e Presidente del Consiglio, ha annunciato una serie di provvedimenti in parte già varati come la nuova legge elettorale fra le cui finalità c’è la governabilità, ma che a causa delle elevate soglie di sbarramento, la mancanza delle preferenze e della parità di genere, in futuro potrebbe rischiare di fare la stessa fine del Porcellum, cioè di essere dichiarata incostituzionale .
In una recente e informale conferenza stampa Renzi ha annunciato una svolta che affronta in modo sostanziale i problemi principali del paese, i provvedimenti per tasse, lavoro e casa: a partire da maggio, chi guadagna meno di 1500 euro al mese ne avrà 1000 in più all’anno da spendere, è previsto un taglio del 10% dell’Irap e dei costi dell’energia per le imprese, entro settembre verrà pagato integralmente il debito di 68 miliardi della Pubblica Amministrazione e saranno stanziati 3,5 miliardi per la messa in sicurezza delle scuole.
La copertura sarà garantita da un taglio della spesa pubblica di 7 miliardi, e da un aumento del prelievo fiscale sulle rendite finanziarie al 26% (con l’esclusione di Bot e buoni postali) finalmente una buona manovra di “sinistra”, l’esatto contrario di quelle effettuate dai suoi predecessori. Inoltre Renzi ha affermato che se non si supererà il bicameralismo perfetto (con l’abolizione del Senato) considererà conclusa la sua esperienza politica, dichiarazione e misure economiche che unitamente alla veloce approvazione della legge elettorale, hanno sorpreso tutti sia a destra che ha sinistra.
A questo punto per completare l’opera sarebbe anche il caso di ridurre il numero dei parlamentari e il loro compenso, eliminare il finanziamento pubblico obbligatorio dei partiti, attivare un azione incisiva nei confronti dell’evasione fiscale e della mafia, che costituiscono due piaghe ataviche che non consentono al paese di crescere come potrebbe, ma forse tutto insieme è chiedere un po troppo, o no ?
Il nuovo Governo lancia quindi un segnale importante che viene colto positivamente anche dai maggiori critici del Pd e dai Sindacati (ovviamente non mancano i contrari a prescindere, mentre l’Europa approva ma chiede rispetto delle regole e riduzione del deficit) con il quale dimostra con i fatti che si vuole finalmente allentare la morsa dell’ austerità rilanciando i consumi, l’economia e di riflesso il lavoro.
Ora Camera e Senato permettendo… non resta che attendere gli sviluppi per capire se il nostro paese è veramente alle soglie di un nuovo miracolo italiano come tutti ci auspichiamo.


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net