Questo sito usa cookies tecnici che aiutano Forumalessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina, clickando nei browser supportati in qualsiasi punto della pagina, o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Oggi è 26/05/2022, 18:33

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: EL VÈG MANDULÉN - di Orazio Messina
MessaggioInviato: 16/05/2012, 21:53 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/12/2010, 15:45
Messaggi: 376
Orazio Messina

Elaborato n° 9

EL VÈG MANDULÉN

«Ciau! T'am ai apendì qui an bèla vìsta. Dèl vòti t'am gàvi la pùvi e pó t'at šgónfi 'cmé 'n balón quòndi che chìch tó òspit um vìgh e u dìš: "Ma che bèl! U dév avéini dj'àni, ma 'cmé ch'at ài fàc ad avéili?"»
D'in asidéntu, a són chì, sùl 'cmé 'n còn, setà 'ns la pultrónna. Ma chi ch'um à parlà? A óus j'óg e a vìgh, a u só pòst, 'cmé sémper, el mandulén. Pusìbil?
«O ša, a són stàc pròpi méi a parlè, meravéiti nénta. Da 'n müg ad témp a són an pensión. A dév amëti che a cà tóa ajó avì in pòst d'unùr, ma adès a vój sfughèmi in cicinén. Téi t'at magénti nénta che vìta rìca ch'ajó avì méi!»
Ròba da màt, a sént la mé vùš ch'ui rispónd:
«Da u dì ch'at ó avì ajó mai pensà ch'at fìsi ammàchi in ugèt inanimà e pó, t'al sài benìsim, at ònche sentì 'na šuéra 'd vòti!»
«Al só, al só e a són pròpi stàc cuntént quòndi che tó šìu, ancó con nuvùnta e pùsa primavéiri, um a regalà a téi, dimustrònda u só afèt ant i tó cunfrónt. Onche se adès a són tacà sü a 'sta miràja, a vìgh tüt'el vòti ch'at vài a truvèli e la cuntentësa ch'at próvi quòndi che t'al vìghi trafichè ant l'òrt... ma se ch'a dìgh, ant u só giardén, perchè 'l è talmént bèl ch'al pó ési ciamà ammàchi parìg. At dévi savéi che tònc, ma tònc àn fà a són stàc crumpà dal pàri 'd tó šìu ant la butéga d'in artigiòn dal mòn fatàji e 'csé a són finì ant 'na bèla famìja 'd cuntadén che, dòp 'na giurnà pasàja a sçiapès la schénna ant i còmp, i fàvu pasè u dòp sénna, d'istà ans l'èra e d'invèrn ant la stàla, ancó'l bèl cònt e an mèš a j'istrumént ch'i fàvu da acumpagnamént ajéra ònche méi. Pó a són pasà a tó šìu Lüìš, che anlùra 'l éra in bèl giuvnòt óut, drìc 'cmé 'n füš, sémper an tìr e signurìl. Ajó pròpi dìc signurìl, meravéiti nénta, i siùr jéru lùr, ma siùr andrénta e sénsa avéi el portafój šgónfi... Lü u sunàva da Dìu e 'l à ònche scrìc divèrs bàl: pùlchi, mašùrchi e vàlser.»
«Ma 'cmé ch'al fàva? Al vó dì ch'al cunzìva la müšica...»
«Ma nò, Lü 'l éra in cumpušitùr a urìgia e in só amìš che 'n pò a la cunzìva u scrivìva la müšica. Lùr dói con chicadën d'àter i jàvu creà 'na bèla urchestrénna e i sunàvu ant el casénni ma ònche ant j'ucašión pü 'mpurtòni, 'cmé 'l fèsti patrunàl o dj'àter ricurénsi. Che bèj bàl, che bèl fèsti tra persónni sçéti e sénsa grìl per la tèsta e méi, s'im sàvu spisiunè ant la manéra giüsta, a tiràva fóra del nòti da fè 'vnì i batacór al cùbji annamuràji. T'ai nént idéja du nümer ad matrimòni andónda ch'ajó sunà. Ma ònche téi t'am ài sentì an cùl lónghi sìri d'invèrn... t'at n'avìši? Tó šìu, el bàrba Ginët ancón cùla fìša 'd só invensión, Màriu, dìc u Stivén...»
Am àgit ans la pultrónna péš che s'ajéisa 'l bàl ad San Vì... ma ajó sugnà o ajó ciaciarà per dabón con cùl vèg mandulén? A són ant el baracón di spéc... ma 'n fónd se ch'ujè 'd màl ? In afàri 'l è sicür: da adès a trateró el mé mandulén ancón tüt l'afèt pusìbil!

IL VECCHIO MANDOLINO
«Ciao! Mi hai appeso qui in bella mostra. Ogni tanto mi dai una spolveratina, ma soprattutto, ti gonfi d’orgoglio quando qualche tuo ospite mi vede e non può fare a meno di esclamare: “Che bello! Deve averne di anni, come fai ad averlo?”»
Perbacco, sono solo, seduto in poltrona. Chi ma ha parlato? Alzo gli occhi e vedo, al suo posto, come sempre, il mandolino. Possibile?
«Eh sì sono stato io, non ti meravigliare. Da parecchio tempo sono in pensione. Devo ammettere che mi hai riservato un posto d’onore in casa tua, ma ora voglio sfogarmi un po’. Tu non puoi immaginare che vita intensa abbia avuto io!»
Incredibilmente sento la mia voce rispondergli: «Ma certo, dal giorno in cui ti ho avuto, ho sempre pensato che non sei solo un oggetto inanimato, anzi! Tu lo sai, ti ho anche ascoltato parecchie volte.»
«Lo so, lo so, e sono stato contento quando tuo zio, oggi ultranovantenne, di cui tu sei tanto orgoglioso, mi ha regalato a te, dimostrando il suo grandissimo affetto nei tuoi confronti. Anche se sono appeso a questo muro so perfettamente le numerose volte che ti rechi a fargli visita e con quanto ammirazione lo vedi trafficare nell’orto, ma che dico, nel suo giardino, perché è talmente bello che solo così può essere definito. L’unica variante è che in bella mostra non ci sono fiori, ma perfetti allineamenti di tutte le verdure possibili. E poi, con quanta lucidità e sagacia è sempre aggiornato e commenta l’attualità, di qualsiasi natura! Devi sapere che tanti tanti anni fa, dalle sapienti mani del liutaio che mi ha costruito così bello e armonioso, sono finito in quelle del padre di tuo zio: una gran bella numerosa famiglia di contadini, che, dopo il durissimo lavoro dei campi, trovava ancora il tempo di trascorrere serate serene con il bel canto, accompagnato da vari strumenti musicali di cui anch’io facevo parte. Poi sono stato ereditato definitivamente dallo zio Luigi, che era un bel giovanotto, alto, diritto, elegante e signorile. Sì, signorile, non ti stupire! I veri signori erano loro e non certo perché ricchi…Lui suonava divinamente e ha anche composto parecchie mazurche, polche e valzer.»
«Ma come faceva se non conosceva la musica?»
«Semplice. Lui componeva a orecchio e un suo amico che un po’ la conosceva, le scriveva. Formarono un bel complessino che si esibiva nelle cascine e anche in occasioni più importanti, quali le feste patronali o altre ricorrenze. Erano magnifici i balli tra quelle persone così semplici ed io, mentre sapientemente stuzzicato, emettevo melodiose note, avvertivo i palpitanti batticuori dei giovani innamorati. Sai a quanti matrimoni ho assistito? La memoria, purtroppo, anche di avvenimenti tristi, mi commuove ancora oggi. Ma anche tu, nelle lunghe serate invernali mi hai ascoltato, ricordi? Lo zio Luigi, lo zio Gino con la fisarmonica di sua invenzione, Mario detto lo Stefanino …»
Mi agito sulla poltrona, Accidenti, ho sognato oppure ho dialogato davvero col vecchio mandolino? Sono frastornato, ma in fondo, che differenza fa? D’ora in poi lo tratterò con tutto l’affetto possibile.

---
concorso "A SUMA TÜC GAJÓUD" - 27 Aprile 2012 - Alessandria

Immagine

_________________
Immagine

ImmagineImmagineImmagine


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net